Prima novità dell'anno nuovo: il mio primo romanzo su una mia scoperta che rivoluzionerà il modo di leggere la Divina Commedia.
Sotto, tutte le notizie e anticipazioni. Anche sul programma, ovviamente!
Buona lettura a tutti!

Il campo magnetico terrestre: l'ESA ne rileva un forte indebolimento.

Posted by Pubblicato da Filippo Martelli On 14:16

Nonostante le perplessità rivolte ai commenti di molti studiosi che in questi anni sono stati ritenuti "complottisti" e "sognatori", è notizia di questi giorni che l'ESA (l'Ente Spaziale Europea) attraverso i suoi tre satelliti Swarn ha registrato che il campo magnetico della Terra, negli ultimi 6 mesi, soprattutto, si sta indebolendo a ritmi mai registrati prima. Ben 10 volte più rapidamente.
Il campo magnetico si trova a 600.000 km dalla superficie del nostro pianeta e la protegge dalle radiazioni solari, filtrando i raggi della stella intorno a cui ruotano i pianeti del nostro sistema solare e che ci giungono sotto forma ci venti solari. Il campo magnetico deriva dalla natura stessa della Terra che al suo centro avrebbe un nucleo di metallo, circondato da metalli fusi che, nella rotazione del pianeta intorno al proprio asse, li farebbe ribollire generando così il campo magnetico. Se però una zona dell'area dei metalli fusi rallenta, o la sua temperatura si abbassa, allora, nella parte corrispondente del pianeta si verifica un indebolimento proporzionale del campo magnetico ad essa relativo.
L'indebolimento che è stato registrato riguarda in particolare l'emisfero occidentale, mentre nell'Oceano Indiano si sarebbe notato un rafforzamento del campo magnetico medesimo.
Gli astronomi e gli astrofisici non hanno ancora fornito una risposta univoca. Si pensa che, forse, il problema sia dovuto all'inversione che è in atto dei poli magnetici (Rune Floberghagen, ESA), e che sta comportando uno spostamento del Nord magnetico in Siberia, come è stato registrato in quest'ultimo periodo.
L'inversione dei poli magnetici non è certamente una novità; si verifica ogni 100.000 anni circa, e quindi la Terra, che ha circa 4,57 miliardi di anni di età, ne ha già viste 45.000. A differenza del passato, però, in cui la velocità dello spostamento dei poli avveniva di circa il 5% ogni secolo, adesso la stessa percentuale si è distribuita su appena un decennio. Il che comporta un aumento, come già detto, di ben 10 volte il tempo ritenuto "standard".
Non possiamo dire molto di più sul tema, restando in attesa di ulteriori sviluppi, ma solo che la cosa sta effettivamente avvenendo e che, insieme, siamo soddisfatti di appurare come verità che si credono ferme e assolutamente certe siano, in realtà, più ipotesi che altro. Ancora non conosciamo granché della Terra e di come essa funzioni, questa è la verità. C'è chi ipotizza che il suo nucleo sia vuoto, chi ritiene che vi sia lava bollente, chi metallo fuso (come detto sopra) e chi, invece, ritiene che esso ospiti un piccolo buco nero (argomento, questo, insieme a una ricerca relativa riguardo la Luna, di cui tratteremo tra pochi giorni).
Tuttavia, ci sentiamo di dire che dovremmo avere più cura della nostra casa. Della nostra Madre. Della nostra Terra. Perché, come possiamo verificare, se la indeboliamo (anche con strani esperimenti nel suo sottosuolo) potremmo comportare un indebolimento di quelle sue stesse difese che, come sappiamo, ma cui pensiamo molto poco, implicano sconvolgimenti che andrebbero a coinvolgere tutti noi. In tutto.

Le immagini appartengono ai rispettivi proprietari.
Fonte: yahoo.com

0 commenti

Posta un commento