Prima novità dell'anno nuovo: il mio primo romanzo su una mia scoperta che rivoluzionerà il modo di leggere la Divina Commedia.
Sotto, tutte le notizie e anticipazioni. Anche sul programma, ovviamente!
Buona lettura a tutti!

Nostradamus, il profeta: le quartine

Posted by Pubblicato da Filippo Martelli On 19:53

Come si sa, molte volte, le profezie, lette semplicemente, non hanno molto senso. Spesso necessitano di una interpretazione, ma in Nostradamus, questo fatto, non è poi così vero. Tra i suoi scritti, Michel de Nostradame, ci ha lasciato una serie incredibile di nomi che, all'incirca ricalcavano la realtà. Questo lo vedremo poi, ma è sorprendente quanto sia stato preciso e come, anche lui(così come moltissime altre culture) ci abbia segnalato una data, certo, forse dal suo punto di vista più "astronomica", ma comunque significativa: 21 dicembre 2012!
Su questa data torneremo in futuro, ora è giusto, invece, parlare di ciò che ci ha lasciato il più grande profeta della storia.
Così come per il 2012, Nostradamus ha predetto anche altre date "precise". Nella quartina 51 della seconda centuria, infatti, secondo i sostenitori, si sarebbe riferito all'incendio della Cattedrale di San Paolo, avvenuto a Londra nel 1666. Non c'è certezza, come, del resto, è evidente che si è sbagliato riguardo a molto altro, come, per esempio, un evento catastrofico(mai avvenuto)nell'anno 1999. Nonostante tutto, certe quartine sono quantomai esatte!
L'ultima quartina(X 100), parla di avvenimenti recenti, dicendo che l'Inghilterra avrebbe avuto più di trecento anni di strapotere navale, iniziato col "Navigation act" di Oliver Cromwell, sarebbe finito con una grande guerra(la seconda guerra mondiale), così come il suo potere imperiale.
La quartina che lo rese celebre, però, riguardò la profezia della morte di re Enrico II in un "gioco"; Centuria 1, quartina 35.
Questo è il testo:
Il giovane leone il vecchio sormonterà,
Nel campo bellico in singolar tenzone,
Nella gabbia d'oro gli occhi perforerà,
Due ferite in una,poi morire,morte crudele.

Il re, infatti, morì in un palio, lo scontro che molte volte si vede nei film medievali, fatto a cavallo da due cavalieri che, con una lancia(perdonatemi l'imprecisione) devono cercare di colpire l'avversario galoppando parallelamente l'uno in direzione dell'altro.
Ma non basta, perché la precisione di Nostradamus è sconcertante quando, per esempio, parla di Napoleone, Hitler, Papa Giovanni Paolo I.
Qui di seguito alcuni testi sui tre:

Napoleone:
Pau, Nay ed Oloron più fuoco che sangue sarà,
Naufraga tra le lodi (o nel fiume Aude), fugge ai grandi moti insurrezionali:
L'entrata agli stallieri rifiuterà,
Pampon , Durance le terrà asserragliate.
(Pau, Nay e Oloron sono tre città nel sud della Francia, se le anagrammiamo, otteniamo: Napaulon Roy; e l'Imperatore fu un comandante d'artiglieria dell' Ecole d'Artillierie Royale, che richiama alla parola "fuoco").

Nei prossimi giorni inserirò anche gli scritti sulle altre profezie e continueremo questo affascinantissimo viaggio su Nostradamus.

0 commenti

Posta un commento