Prima novità dell'anno nuovo: il mio primo romanzo su una mia scoperta che rivoluzionerà il modo di leggere la Divina Commedia.
Sotto, tutte le notizie e anticipazioni. Anche sul programma, ovviamente!
Buona lettura a tutti!

Washington, città massonica

Posted by Pubblicato da Filippo Martelli On 13:03

Questo mese vi ho girato un sondaggio, una domanda; ditemi voi, direttamente, su quale argomento desiderate un articolo. Ebbene, avete scelto la Massoneria, la società segreta, paradossalmente sia più doffusa e nota al mondo. Numerosi sono i templi massonici diffusi nel mondo, numerose sono le cosiddette Logge Massoniche presenti sulla terra, cioè i microgruppi in cui questa organizzazione è organizzata. La prima è stata la Gran Loggia di Londra, con le dovute origini scozzesi da ricercarsi nel medioevo e nel noto RSAA(Rito scozzese antico ed accettato), che fonde insieme mitologia egizia, tradizioni ebraiche e memoria dei Templari. I massoni derivano il loro nome ed origini ideologiche e culturali dalla leggenda di Hiram, il mitico architetto del Tempio di re Salomone. E' così che nel medioevo i muratori, a seguito di molte ingiustizie, decidono di riunirsi in un'associazione che ha lo scopo di perfezionare l'individuo, fondando le sue basi sulla conoscenza e Dio, per i Massoni l'Architetto dell'universo che non dirige i fatti, ma che ha creato il tutto. Fin dagli inizi hanno sempre cercato di riunirsi, segretamente, cercando quindi di attingere ad una conoscenza sempre più occulta, in certi casi con azioni che hanno riportato alla mente rituali alchemici. Non è però proprio così, fin dalla sua nascita e in particolare con l'esplosione vera e propria, nel XVIII secolo, del fenomeno massonico, ecco che questa società segreta presenta i suoi veri scopi, i suoi ideali. Libertà, uguaglianza e fraternità, un motto che, non a caso, distingue la Francia e gli U.S.A. e, soprattutto, la rivoluzione francese del 1789, architetti della quale erano, in particolare, logge massoniche. Dopo questa introduzione breve, iniziamo il nostro viaggio per conoscere i maniera inusuale una delle città più importanti al mondo: Washington. La città di Washington, capitale degli Stati Uniti, è sicuramente uno dei centri di maggior importanza. Qui ha sede, come per noi a Roma, il Campidoglio, qui si trova la Casa Bianca, qui c'è uno dei centri di maggior importanza della Massoneria. L'edificazione della città avvenne in maniera inusuale, qui, prima di costruirla, si pensò ad edificare il simbolo stesso del centro: il Campidoglio. La prima pietra dello stesso fu posta il 18 settembre 1793 da George Washington, il primo presidente U.S.A., e intorno al Campidoglio si è edificata la città, è il simbolo dei poteri che vi risiedono. Nel 1789, si decide di procedere a costruire una capitale federale in Virginia, su progetto iniziale di l'Enfant, architetto francese e soprattutto repubblicano e "fratello massone" di George Washington. Il progetto presentato è di dimensioni faraoniche, ma soprattutto, un progetto dove i riferimenti alla Massoneria e all'antico Egitto sono presenti praticamente ovunque. Pensylvania Avenue, la via principale, connette i due edifici più importanti: Campidoglio e Casa Bianca e, guardando dal primo verso il secondo nell'ora del tramonto notiano in certi giorni il sole scendere precisamente al centro della stessa fino a scomparire. Sono chiari e fondamentali, infatti, certi allinementi astrali; quando fu posta la prima pietra si fece molta attenzione a tutti questi aspetti e, in quel caso, in particolare alla Levata Eliaca, vale a dire al sorgere della stella Sirio, che avrebbe dovuto "passare" per il centro dell'edificio, insomma, sorgere comparendo da dietro esso, levata che è simbolo per i massoni di rinascita(per gli egizi, invece, indicava l'inizio del nuovo anno). Può essere solo una coincidenza, ma la pianta ricalca "l'Albero della Vita" ebraico, dove ci sono dei nodi importanti chiamati Sephirot, ognuno dei quali corrisponde a degli elementi e, se sovrapposti, a ciascuno di questi in pianta corrisponde un edificio fondamentale della città. Il primo è la "volontà prima", in corrispondenza del quale troviamo il Lincoln Memorial; il Jefferson Memorial sta tra "giudizio" e la "gloria"(Jefferson, terzo presidente, fu il pricipale firmatario della Dichiarazione d'Indipendenza), tra la quarta e la settima sphirat(Misericordia e Vittoria), troviamo la Casa Bianca; alla sesta, "Principio armonizzante", il Washington Monument; alla decima, il "Regno", il Campidoglio. Non solo, un edificio, il tempio massonico della città , opera dell'architetto John Russel Pope, realizzato su imitazione del Mausoleo di Alicarnasso(la tomba di Re Mausolo), è sede del Supremo Consiglio della giurisdizione meridionale del RSAA, a cui fanno riferimento quasi tutte le Logge, anche se non è la Loggia principale "ufficiale". Simboli egizi sono ovunque; sfingi all'entrata, simboli di Saggezza e Potere, poi altre statue e i riferimenti, veri e propri, alla astronomia. Le analogie, però,con il passato e le tradizioni di vario genere non si fermano a qui; ecco che la Casa Bianca, la sede del Presidente degli Stati Uniti, è un simbolo di tutto ciò. La prima pietra di questo edificio è stata posta, pensate, il 13 ottobre 1792. Il 13 ottobre, non è una data qualsiasi, ma ha un forte simbolismo templare; se vi ricordate, come in un precedente post proprio sui templari, ecco che il 13 ottobre del 1307 è la data in cui i templari furono arrestati. Arriviamo quindi al 1799, anno della morte di Washington. Per ricordarlo si decide, con riferimento all'antico Egitto, di erigere un obelisco colossale, alto circa 170 metri, la cui prima pietra è posta il 4 luglio 1848, data che ricorda l'Indipendenza, ma anche, se applicata al calendario giuliano, il giorno di San Giovanni dei Massoni. La punta dell'obelisco, se vista da vicino, ricorda una piramide posta su una colonna. La stessa piramide compare sulla banconota da 1 dollaro, vero e proprio insieme di simboli massonici, e sulla stessa dichiarazione d'Indipendenza. Una pianta simile a quella di Washington la ritroviamo a Londra e un'altra a Parigi. Strade perfettamente ortogonali tra loro, ma non solo; l'intento era di ricostruire la città ideale, la Gerusalemme celeste. Non è un caso se, infatti, i principali personaggi della storia americana sono massoni e se, nel 1776, dei 56 firmatari della Dichiarazione di Philadelphia 50 sono massoni. Ma sempre parlando di piante, ecco che possiamo vedere il Pentagono, i quartier generale dell'esercito. La forma pentagonale fu scelta dal Presidente Roosvelt; rappresenta Sirio così come le logge la raffigurano. Abbiamo però parlato anche di soldi, infatti la banconota da 1 dollaro è un misto di simboli massonici. In primo luogo la piramide di cui parlavamo, sul retro, a sinistra, mentre a destra un'aquila. Questa ha nel becco un nastro con la scitta "E pluribus unum"; sopra, un cerchio con 13 stelle che, se unite, formano una stella a sei punte, il simbolo degli ebrei, la stella di David, il simbolo di Re Salomone, a cui sono continui i riferimenti nella Massoneria. Sopra la Piramide, invece, un occhio, simbolo di conoscenza; è l'occhio che tutto vede e tutto sà; sopra questo una scritta: "Annuit coeptis", approva le cose iniziate; e una seconda in basso: "Novus ordo seclorum",nella forma contratta, per far sì che abbia 17 caratteri; in basso, alla base, una data in numeri romani(MDCCLXXVI). Il 17, nei tarocchi, è la stella; la realizzazione.Il 13, invece, è, si crede riferito in particolare al numero iniziale di stati degli U.S.A.; ma simbloeggia anche il volo che continua nell'eternità e per i Rosacrociani è simbolo del percorso iniziatico. Tredici sono i caratteri delle scritte e il numero di frecce che l'aquila stringe; i gradini della piramide e le strisce dello scudo. Sul fronte, invece, ai lati della figura di George Washington, due simboli: la riserva federale di Chicago, a destra quello del Dipartimento del Tesoro, quest'ultimo con una data:1789. La data della rivoluzione francese, circondata da simboli massonici: bilancia, scudo, chiave e 13 punti. Il 13 è quindi un numero chiave. Qui si conclude questo nuovo viaggio, attraverso il mondo della Massoneria, ma non lo abbandoneremo. In futuro torneremo a parlare di questa ed agli avvenimenti che la connettono alle vicende politiche italiane e non solo. Intanto, finiamo e diciamo che siamo stati orgogliosi di realizzare questo viaggio, appassionante ed affascinante. Spero vi sia piaciuto e che sia di aiuto per tutti coloro che su questo tema vogliono sapere di più.

0 commenti

Posta un commento